21 novembre 2012

Le serre dell'Orto Botanico - The conservatories of the Botanical Garden


Conosco molto bene questo incrocio, queste strade, e tuttavia non sono mai entrata in questo edificio che fa parte dell'Orto Botanico di Firenze. Solo dopo una piccola ricerca ho appreso qual è la sua specifica funzione: si tratta della serra calda dell'Orto Botanico, nella quale sono raccolte molte piante provenienti da paesi tropicali: dalla rara e singolare Amorphophallus, originaria di Sumatra, di dimensioni gigantesche (ha un'unica foglia di oltre 4 metri e un fiore di 3 metri di lunghezza), alle piante che ci sono familiari per l'importanza dei loro prodotti nella nostra vita quotidiana: il caffè, il cacao, il cotone, il pepe.
Sembra assurdo ma può succedere, in una città come Firenze, che certi tesori di primaria importanza passino in secondo piano rispetto alle infinite bellezze circostanti. Non tutti infatti sanno che l'Orto Botanico di Firenze, chiamato anche Giardino dei Semplici, oltre ad essere il terzo più antico del mondo essendo stato fondato nel 1545 (successivo solo quelli di Pisa e di Padova), costituisce da secoli un centro di studio e di ricerca botanica di rilievo internazionale.
Io stessa, lo ammetto, non l'ho mai contemplato se non dall'esterno, grazie alla vista che se ne può avere passando lungo via La Pira. Presto dovrò rimediare a questa mia mancanza.
(penna a inchiostro indelebile e matite acquarellabili su taccuino da viaggio Winsor and Newton 14,9x21 cm).

I know very well these crossroads, these streets, and yet I have never entered this building that is part of the Botanical Garden of Florence. Only after a brief research I learnt which is its specific purpose: it's the warm conservatory of the Botanical Garden, where many plants coming from tropical countries are collected: from the rare and singular Amorphophallus, native of Sumatra, of gigantic size (it has only one leaf more than 4 meters long and a flower 3 meters long), to the plants that are familiar to us for the importance of their products in our everyday life: coffee, cacao, cotton, pepper.
It seems absurd but it may happen, in a city like Florence, that certain treasures of primary importance are pushed in the background by the endless beauties all around. Not so many know in fact that the Botanical Garden of Florence, also called the Garden of Simples, apart from being the third most ancient in the world as it was founded in 1545 (following just the ones in Pisa and Padua), has been for centuries a prominent centre of study on a worldwide scale.
I myself, I must admit, have always admired it just from the outside, thanks to the view that one can enjoy passing along via La Pira. Soon I'll have to make up for this lack of mine.
(waterproof ink liner and watercolour pencils on travel sketchbook Winsor & Newton 5,8"x8,3" cm).

2 commenti:

  1. Yet another amazing drawing! :) The fine details and the perfect perspective!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thank you Alex, you are so kind! :-)

      Elimina

Grazie per i vostri commenti - Thanks for your comments