03 dicembre 2017

Studi d'autunno



Rispetto ai miei lavori, sono spesso insoddisfatta e subito impaziente di cominciare il prossimo per provare a fare di meglio. Vedo i difetti ma questo non mi impedisce di provare un po' di soddisfazione per le parti che invece sono venute meglio. Non mi piace lasciare i lavori incompiuti.
E tuttavia, quando guardo i taccuini di altri, finisco per apprezzare di più proprio ciò che nei miei mi dà fastidio, e mi innamoro delle pagine incompiute, disordinate, scomposte. Quelle più scarabocchiate e piene di ripensamenti.
Questo mi ha fatto capire che devo imparare ad essere più indulgente con le mie pagine malriuscite o incompiute.
Perciò pubblico questi due lavori che fanno parte della mia produzione più recente: una veduta del giardino del Bistrot Santa Rosa e una del parco di Villa Vogel.
Entrambi incompiuti, niente più che studi per esercitarmi nella tecnica dell'acquerello.
E resto abbastanza stupita nel vedere come due lavori fatti a distanza di un paio di settimane in luoghi diversissimi finiscano per assomigliarsi in modo sorprendente, come se il paesaggio esterno non sia stato che un pretesto, e il vero soggetto sia da cercare altrove, in un luogo non visibile agli occhi.
(Matita e acquerello su taccuino Moleskine)

Regarding my works, I often feel unsatisfied and immediately impatient to start the next one to try to do better. I see the flaws but this does not prevent me from feeling a bit of satisfaction for the parts that instead came better. I do not like unfinished works.
And yet, when I look at the sketchbooks made by others, I end up appreciating more just what bothers me more in mine, and I fall in love with the unfinished, disordered, messy pages. Those more scribbled and full of second thoughts.
This made me realize that I must learn to be more indulgent with my poor or unfinished pages.
So I publish these two works that are part of my most recent production: a view of the garden of the Santa Rosa Bistrot and one of the park of Villa Vogel.
Both unfinished, nothing more than studies to practice the technique of watercolor.

And I'm quite amazed to see how two works made a couple of weeks apart, in very different places, at the end resemble each other surprisingly, as if the external landscape is just a pretext, and the real subject is actually elsewhere, in a place not visible to the eyes.
(Pencil and watercolor on Moleskine Sketchbook)

28 novembre 2017

Piazza Santa Elisabetta


Molte cose a Firenze sono antiche; ma alcune sono più antiche di altre.
Fra le costruzioni del suo più lontano passato, c'è questa singolare torre che si distingue da tutte le altre torri per la sua pianta circolare. E' conosciuta come Torre della Pagliazza. Risale al periodo di dominazione bizantina della città, iniziato con la caduta dell'impero romano d'Occidente (476 d. C.) e finito qualche secolo dopo. Oggi si affaccia sulla piccola e quasi nascosta piazza S. Elisabetta, le sue finestre sono state ingrandite per permetterne l'uso e grazie a tali modifiche può ospitare una porzione di un albergo decisamente originale.
Ho realizzato questo disegno in una domenica pomeriggio, cercando faticosamente di non farmi distrarre dalle numerose persone di passaggio, e alla fine cercando di accelerare per concludere prima del tramonto. E ho dipinto il disegno solo successivamente, aiutandomi con delle fotografie, perché non ho voluto che la fretta mi togliesse il piacere di perdermi fra le pietre e i mattoni di queste antiche costruzioni.
Trovate questa piazza anche in questo mio vecchio post.
(Acquerello su carta Fabriano Blocco per Artisti 23x31 cm).


Many things in Florence are old; but some are older than others.
Among the buildings of its farthest past, there is this singular tower that stands out from all the other towers for its circular plan. It is known as Pagliazza Tower. It dates back to the Byzantine period of domination of the city, which began with the fall of the Western Roman Empire (476 AD) and ended a few centuries later. Today, it overlooks the small and almost hidden square of S. Elisabetta, its windows have been enlarged to allow its use and thanks to such modifications it can accommodate a portion of a truly original hotel.
I made this sketch on a Sunday afternoon, struggling hard not to get distracted by the many passing people, and eventually trying to speed up to finish before sunset. And then I painted the sketch only afterwards, helping me with photographs, because I did not want the haste to prevent me from getting lost in the stones and bricks of these ancient buildings.
You can find this square in this old post of mine.
(Watercolour on Fabriano paper "Blocco per Artisti" 9"x12").

24 novembre 2017

Viaggio nei luoghi di Firenze Capitale: il Viale Matteotti


Nel 2015 ho fatto un viaggio attraverso alcuni luoghi legati al periodo in cui Firenze è stata capitale d'Italia, fra il 1865 e il 1871. Alcuni di questi luoghi li ho scelti per il loro valore di testimonianze importanti di quell'epoca, che ha determinato grandi cambiamenti nella città, altri li ho scelti spinta soprattutto dalle mie sensazioni.
Così decisi di realizzare questo schizzo in un punto del viale Matteotti, che quando fu creato si chiamava viale Principe Amedeo, scegliendone uno scorcio quasi casualmente. Ma forse il caso ha contribuito solo in piccola parte, poiché rivedendo questo schizzo, in queste facciate ho ritrovato il carattere di tutto il viale, fra i più signorili della città, simile a un abito ben tagliato, ma con la stoffa di colore grigio.
Era marzo 2015, venti mesi fa, e nonostante la distanza nel tempo (che a me sembra anche più lunga, come se fossero venti anni), guardando questo schizzo torno a sentire il freddo che c'era nel viale, e il rumore, e tutte le mie emozioni di allora.
(Matita blu, acquerello e pennarello su carta Fabriano per acquerello)

In 2015 I traveled through some places belonging to the period when Florence was the capital of Italy, between 1865 and 1871. I chose some of these places for their value of important testament of that time, which determined major changes in the city, some others mainly driven by my feelings.
So I decided to make this sketch at a point of the Viale Matteotti, which when it was created was called Viale Principe Amedeo, choosing a view almost by chance. But perhaps chance  contributed only to a small extent, since looking again at this sketch, on these facades I found the character of the whole boulevard, one of the most noble of the city, similar to a well-cut dress, but made with a  gray fabric.
It was March 2015, twenty months ago, and despite the distance in time (which seems to me even longer, as if they were twenty yearsI), watching this sketch I come back to feel the cold that was in the avenue, and the noise, and all my emotions of then.
(Blue pencil, watercolour and ink liner on Fabriano  watercolour paper)

19 novembre 2017

Un sabato mattina al Santa Rosa Bistrot


Negli ultimi mesi ho partecipato spesso alle uscite di Acquafirenze, un meraviglioso gruppo di acquarellisti e disegnatori che ogni settimana si riunisce per disegnare e dipingere dal vivo in città o nei dintorni.
Uno dei nostri luoghi di ritrovo preferiti è il piacevolissimo Santa Rosa Bistrot, sull'omonimo Lungarno, dove stando seduti ai tavoli all'aperto si possono ritrarre dettagli interessanti delle architetture e della natura circostante.

Questa è una bella casa che si vede svettare dagli alberi del suo giardino mentre in basso, si vedono le più modeste costruzioni del bistrot.
(acquerello su carta Fabriano 31x23 cm)

Recently I often took parto to the gatherings organized by Acquafirenze, a wonderful group of watercolorists and sketchers who meet every week to sketch and paint on location somewhere in the city or in the surroundings.
One of our favorite places is the lovely Santa Rosa Bistrot, on the namesake Lungarno, where you can portrait the interesting details of the surrounding architecture and nature while sitting at the outdoor tables.
This is a beautiful house that you can see coming out from the trees of its garden, while below you can see the more humble bistrot buildings.
(watercolor on Fabriano paper 12x9")

20 aprile 2017

Piazza San Firenze


Fra Palazzo Vecchio e il Bargello, si apre lo spazio di questa piazza, reso spettacolare dalla presenza del settecentesco Oratorio dei Filippini, fino a pochi anni fa sede del Tribunale di Firenze, oggi in attesa di una prossima futura destinazione.
Un luogo in fase di transizione: sarà forse per questa sua affascinante qualità che in un sabato dello scorso febbraio lo ho scelto per aprire la serie di acquerelli del mio carnet dedicato a nove piazze di Firenze. A seguire, presto, le altre otto.
(matita a olio e acquerello su carta Arches 31x20,5 cm)

Between Palazzo Vecchio and the Bargello, the space of this square opens, made spectacular by the presence of the eighteenth-century Oratorio dei Filippini, which was until a few years ago the seat of the Court of Florence, and today is waiting for a near future destination.

A place in transition: it is perhaps for this fascinating quality that on a Saturday of last February I chose it to open the series of watercolours of my carnet dedicated to nine squares of Florence. Next, soon, the other eight.

(oil pencil and watercolour on Arches paper, 12"x8")